P2P: denunce e arresti su eMule

Pubblicato il da Guadagnoweb

L’operazione SIXXX FILES della Polizia Postale e delle Comunicazioni per la Liguria e le minacce di Voltage Pictures a presunti downloader del film premio Oscar.

Sei persone arrestate, 460 denunciate, oltre 460 perquisizioni e il sequestro di 1.201 PC, 2.459 hard disk, 11.327 supporti ottici e 1.307 memorie esterne sequestrate. È il bilancio dell’operazione SIXXX FILES condotta dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni per la Liguria nell’ambito del contrasto alla diffusione per via telematica di materiale pedopornografico.

Gli operatori della Polizia di Stato hanno posto sotto osservazione l’ambiente del file sharing anche con attività tecniche sotto copertura, facendo luce su un fitto intreccio di video, spesso di estrema crudezza, scambiati e condivisi tra vari individui di variegata estrazione sociale, che utilizzavano una particolare variante della piattaforma eMule.

Da eMule ai circuiti P2P che sfruttano il protocollo BitTorrent. Voltage Pictures, la società che ha prodotto il film premio Oscar The Hurt Locker, ha inviato oltre 5.000 lettere a presunti downloaders che hanno scaricato e condiviso la pellicola, finita in Rete prima della sua distribuzione ufficiale nei cinema. Secondo la ricostruzione fornita da TorrentFreak, la casa di produzione avrebbe minacciato gli utenti di portare la questione dinanzi a un tribunale, se gli stessi netizen non avessero corrisposto una cifra di 1.500 dollari. A dar man forte a Voltage Pictures anche lo U.S. Copyright Group.

Due situazioni completamente diverse. Da un lato, la lotta, legittima e auspicata, contro la pedopornografia, dall’altro, invece, l’utilizzo di tecniche poco limpide per contrastare il fenomeno della pirateria digitale.

Con tag Notizie utili.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post